La prima tappa della Tournèe di “Quelli di Io Vagabondo” un trionfo!

Pubblicato il 31 gennaio 2015

A Pomezia, al Duepuntozero si è tenuta la prima tappa del Tour di “Quelli di Io Vagabondo”. Il pubblico ha apprezzato il ritorno su palco degli storici componenti dei “Nomadi” ritornati a suonare dopo anni di separazione dal fondatore Beppe Carletti. La storia è densa di particolari e vicende che hanno caratterizzato la Band in quasi cinquant’anni di successi; molti i cambiamenti di formazione, tanti i musicisti che si sono avvicendati sul palco di una della band più amate e discusse da più generazioni. Tutti sappiamo che dopo la morte dell’indiscusso leader Augusto Daolio i Nomadi hanno vissuto per anni, e tuttora vivono, all’ombra del “mito” ma quello che abbiamo visto l’altra sera a Pomezia, al Duepuntozero è veramente un ritorno di 4 amici che cercano di ricordare quegli anni e quelle emozioni che hanno aiutato Augusto a diventare uno dei cantanti più apprezzati nell’ultimo mezzo secolo; loro ci sono sempre stati quando si componevano le melodie, quando i testi di Guccini erano troppo duri per il perbenismo dell’epoca, nei momenti d’incertezza, quando le case discografiche gli avevano chiuso le porte, ma anche quando a Sanremo e al Cantagiro hanno dimostrato che la musica vince sempre quando comanda il cuore…insomma Franco Midili, Bila Copelini, Amos Amaranti e Umbi Maggi hanno dentro di loro tutte le amarezze e le gioie di quei momenti magici, ed ora dopo anni di silenzio hanno deciso di far sentire la loro voce e quella dei loro strumenti. Al Duepunto zero ognuno di loro ha dimostrato che gli anni sono un eufemismo e che la grinta e la musica spesso puntano diritto al cuore; Amos ha fatto cantare la sua chitarra regalando al pubblico momenti esilaranti, Franco ha puntualmente punzecchiato il pubblico con le sue battute tra l’ironico e lo scanzonato, Bila ha sorpreso tutti carezzando i tamburi come ai vecchi tempi non sbagliando un colpo e Umbi ha giocato con le corde del suo basso ricordando i momenti vissuti con Nomadi, ma anche quelli con Zucchero Fornaciari e i Sorapis…e poi la sorpresa…il cantante! un ragazzo emiliano dai capelli scomposti, dallo sguardo semplice, dalla voce a volte gentile a volte graffiante, con delle note basse interessanti…lui è Andrea Canevari ed è la nuova scoperta di Franco Midili…come lo è stata quella di Augusto Daolio ai suoi tempi, quando Franco lo portò all’interno dei Nomadi. La voce non è quella di Augusto ma il sentimento è il medesimo con la consapevolezza che ora siamo nel 2015 e copiare non serve a creare una nuova Star. La Band è da ascoltare, le immagini che propongono sul video sono assolutamente da guardare e poi le battute di Franco…arrivano al momento giusto!
1

0